Con l’approssimarsi della primavera, arrivano i mesi migliori per la pratica
del volo libero, vale a dire il volo senza motore in deltaplano e
parapendio.
Sono mezzi semplici ed intriganti che sfruttano le correnti ascensionali,
dette termiche. Il pilota vola immerso nella dimensione celeste, cercando di
restare dentro queste masse d’aria per raggiungere la massima quota
possibile e con essa la possibilità di percorrere poi molti chilometri
sfruttando l’efficienza del mezzo medesimo. In pratica, spendendo la quota
acquisita, ci si può trasferire da un posto all’altro.
Nel caso di una competizione, come i regionali di parapendio, il pilota Continua a leggere

Annunci

Italia- (da Gustavo Vitali) Per il volo libero in deltaplano e parapendio si annunciano tempi di assoluto impegno dal punto di vista organizzativo e come mantenimento del primato mondiale conquistato dai piloti azzurri. Continua a leggere

Collegno (Torino)- L’apertura dei World Air Games, i giochi mondiali dell’aria, è alle porte ed il volo libero in deltaplano e parapendio sarà presente insieme alle altre discipline aeree: acrobazia, aeromodellismo, mongolfiere, volo ultraleggero, paracadutismo, alianti, elicotteri e velivoli sperimentali. Sono attesi circa 300 piloti da 40 paesi del mondo per contendersi 25 titoli. L’epicentro dei WAG 2009 dal 6 al 14 giugno sarà l’aeroporto Aeritalia a Collegno (Torino); le mongolfiere prenderanno il volo a Mondovì (Cuneo); gare di aeromodellismo indoor al Pala Ruffini di Torino. Parapendio e deltaplano decolleranno sopra il Lago Grande di Avigliana per gare di acrobazia, precisione in atterraggio e speed run, vale a dire uno slalom alla ricerca del miglior tempo lungo un tracciato segnalato da piloni posti lungo il pendio. Gli atterraggi avverranno su una piattaforma galleggiante. Continua a leggere

Milano- (da Gustavo Vitali) Si aggiungono tre interessanti volumi alla già vasta letteratura del volo libero, vale a dire il volo senza motore in deltaplano e parapendio. Dopo Catania e Roma, il 24 maggio é stato presentato a Milano, presso l’Auditorium del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, il libro di Laura Mancuso: In volo senza confini, una storia d’amore di volo e di condor“. Laura Mancuso è la moglie di Angelo D’Arrigo, il pilota che ha sorvolato l’Everest in deltaplano e che ha insegnato agli uccelli migratori le rotte che a causa dell’uomo avevano dimenticato. Continua a leggere