Caserta– (di Mario Cozzolino) Su un quotidiano locale si legge che i ben noti alois imprenditori serici casertani avrebbero voluto delocalizzare le loro industrie in area Pip a San Benedetto, portando investimenti per 2 milioni di euro in cinque anni, posti di lavoro, nonché una serie di opportunità di crescita, purtroppo, sono stati costretti a delocalizzare le loro attività a Capua, non solo per l’ incapacità di amministratori e politici,ma anche e soprattutto per l’ azione giudiziaria amministrativa da parte dei 180 proprietari terrieri che ricorrendo al Tar hanno di fatto bloccato gli espropri, causando il fallimento del DIC 4, ovvero, del progetto PIP- San benedetto, firmato dall’ ex assessore alle attività produttive , in era falchiana, Pio Del Gaudio- progetto, che doveva, comunque servire a delocalizzare le aree industriali esistenti in aree più idonee, sia per porre rimedio al processo di migrazione fuori dal territorio comunale, sia al fine di delocalizzare fuori dal centro storico le attività produttive incompatibili con le Continua a leggere