Piedimonte Matese(Ce)- “È con vivo compiacimento che registro l’adozione, da parte del Commissario Straordinario dell’A.S.L. di Caserta dott. Menduni, dell’atto deliberativo n. 989 del 01/06/2011, con cui si formalizza la fornitura di dieci letti di degenza completi di accessori (doppi comandi, doppia pedaliera, materasso antidecubito, trazione a ponte, comodino di fronte, ecc.) per la Unità Operativa Complessa di Ortopedia e Traumatologia del Presidio Ospedaliero di Piedimonte Matese. In tal modo si è data una risposta concreta ad una esigenza che nel corso della visita da me condotta, unitamente al Sen. Prof. Calabrò lo scorso 26 novembre presso l’Ospedale di Piedimonte Matese, mi era stata rappresentata dall’allora Responsabile della Divisione dott. Francesco Della Corte. Il Sen. Calabrò mi ha, altresì, informato che nei prossimi giorni avremo un incontro in Regione Campania per esaminare il piano di riparto degli stanziamenti ex art. 20 per l’edilizia sanitaria; sarà mia cura sollecitare l’assegnazione dei fondi necessari a mettere in sicurezza l’edificio del presidio ospedaliero, a partire dalla pavimentazione di alcuni reparti, e quelli occorrenti per il rifacimento della facciata, trattandosi di richieste che, sempre in occasione della mia visita del 26 novembre 20101, mi furono da più parti avanzate. Sono certo che il rilancio dell’Ospedale di Piedimonte Matese potrà essere raggiunto sia assicurando investimenti strutturali particolarmente impegnativi dal punto di vista economico, sia garantendo interventi mirati, come quello dell’acquisto dei nuovi posti letto, che, comunque, migliorano la qualità della degenza e permettono al personale sanitario di operare in un contesto logistico migliore. Desidero ringraziare il Commissario Straordinario dott. Menduni, che ho avuto modo di incontrare nei giorni scorsi, per l’attenzione e la sollecitudine con cui segue le vicende sanitarie del nostro territorio.” Roma, 11/06/2011 Sen. Avv. Carlo Sarro Distinti Saluti. (Comunicato da ufficio stampa Sen. Sarro)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”