Alife(Ce)- (da red. cron. Alife) È Angelo Ferrazzano (nella foto autore Andrea Pioltini) il nuovo coordinatore dei Popolari e Democratici per la Costituente di Centro nel Matese.  La nomina è stata conferita al vice presidente della Comunità Montana del Matese direttamente dal presidente provinciale del partito Pierino Squeglia, d’intesa con il leader nazionale ed ex presidente del Consiglio dei Ministri Ciriaco De Mita, nel corso dell’assemblea provinciale degli aderenti al movimento fondato dal leader di Nusco all’indomani della sua fuoriuscita dal Partito Democratico.  Ferrazzano dovrà organizzare il partito sul territorio e lavorare all’apertura di nuove sezioni nelle singole comunità matesine, in vista della grande costituente di centro che, nei prossimi mesi, vedrà la fusione a livello nazionale tra i Popolari e Democratici di De Mita e l’Udc di Pierferdinando Casini. Un ruolo di prestigio ma anche esaltante che il leader degli ex Riformisti Matesini ha già avviato da alcune settimane, portando con sé nei Popolari Democratici diversi consiglieri e assessori comunali, tra i quali il sindaco di Gallo Matese Franco Confreda, i consiglieri comunali Giovanni Cioffi e Raffaele Russo sempre di Gallo, Beniamino Rega di Valle Agricola, Giovanni e Lucio Riccio di Prata Sannita.  “L’incarico ricevuto mi onora – esordisce Ferrazzano – anche se mi consegna molte e non semplici responsabilità, ma non intendo sottrarmi ai compiti, seppur molto impegnativi che da esso discendono”. Un’adesione convinta quella del vice presidente dell’Ente Montano al progetto politico di De Mita atteso che “da qualche anno il panorama politico locale, provinciale, regionale e nazionale è entrato in crisi, assistendo ad un progressivo e generalizzato distacco tra elettori ed eletti. Nei Popolari e Democratici vedo una proposta politica volta a ridare voce al popolo, attraverso il diretto coinvolgimento degli elettori in tutte le scelte di programmi e rappresentanti, riannodando così il filo spezzato del rapporto elettori-eletti, proposta nella quale mi rivedo pienamente”. Quanto all’azione politica nel Matese, il leader degli ex Riformisti, dopo essersi prefisso l’obiettivo di “organizzare il partito sul territorio”, fa capire chiaramente che il suo mandato di coordinatore di zona non è a vita, anzi “è provvisorio e cesserà nel momento in cui il movimento dei Popolari e Democratici per la Costituente di Centro si darà un organigramma definitivo quanto a livello territoriale che provinciale, anche perché so bene di non essere inamovibile né indispensabile perché in politica tutti siamo utili e tutti dobbiamo essere al servizio degli altri, per poter dare il meglio di noi stessi al territorio e venire incontro alle esigenze della base che è la nostra vera ed unica risorsa”. Infine, il neo coordinatore Angelo Ferrazzano rivolge un accorato appello a “tutti coloro che condividono le ragioni ideali che hanno fatto nascere il movimento dei Popolari e democratici, sia eletti che semplici cittadini, a venire allo scoperto per dare forza a questo movimento e promuovere un vero cambiamento della vita politica del nostro territorio”. Nessun riferimento dal neo coordinatore nel Matese dei demitiani, almeno per ora, ai futuri equilibri in seno alla Comunità Montana, riservandosi di farlo nelle prossime settimane. (Articolo a cura della redazione di Alife del portale Alto Caserano-Matesino & d)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Annunci