A Teano luogo dell’incontro tra Garibaldi e Vittorio Emanuele II e dell’ Unità d’Italia, il primo centro commerciale in Italia con una chiesa (cattolica)

SHOPPING E VANGELO A BRACCETTO PASTA, VESTITI E…MESSA! UN CENTRO COMMERCIALE PER RISTORARE ANIMA E CORPO

Dopo la spesa i clienti-fedeli potranno recitare il mea culpa in chiesa per avere speso troppo![…]

Teano(Ce)- (di Giuseppe Sangiovanni) A Teano dopo l’unità d’Italia sancita dall’incontro tra l’eroe dei due mondi e il Re, chiesa e business si incontrano, si siedono ad un tavolo per offrire sinergicamente ristoro ad anima e corpo di clienti cattolici praticanti. Si sa, nei centri commerciali si trova di tutto. Una città commerciale dove mancava solo la parola di Dio. Orfani di un luogo per i fedeli- che non sanno rinunciare alla messa domenicale. Ci hanno pensato i vertici del centro Sidicinum, che in sinergia con la Curia di Teano offrono da qualche mese, la possibilità di pregare e ascoltare la santa messa prima o dopo avere fatto acquisti al centro. In un solo colpo ritrovata la pax familiare di coppie che la domenica mattina dovevano optare o per la messa o per lo shopping nei visitatissimi centri commerciali. Come dire, Dio denaro e Dio celeste uniti, a braccetto! Così come fu promesso in sede di inaugurazione, nelle settimane scorse è stata celebrata la prima messa nel centro commerciale sidicino, esempio unico in Italia. Officiata nella galleria del centro, perché la chiesetta non avrebbe contenuto tutti i fedeli presenti. Trentacinque minuti di blocco delle attività commerciali e religioso silenzio per ascoltare la parola di Dio: messa celebrata nelle prossime domeniche nella chiesetta del centro intitolata a “Mia Madonna e Mia Salvezza”. Uno spazio sacro che ospita tutti i fedeli alla ricerca di un senso per la loro vita. Il Centro Commerciale Sidicinum si sviluppa su un unico piano con 8 medie superfici di vendita (supermercato, discount, elettronica, bricolage, abbigliamento, calzatura, ristorazione, sport) e più di 50 negozi, tra i quali numerosi ristoranti che animeranno la vita serale della zona anche con il centro chiuso. Il progetto prevede già da subito un ampliamento futuro con un’area dedicata al divertimento (multisala, bowling, sala giochi, ecc.), un fast food ed altri servizi quali il distributore di carburante ed un autolavaggio. Tutto è nato dalle richieste di nostri clienti ed operatori , diventate sempre più numerose- racconta Stefania De Robbio, giovane condirettore del centro. I vertici della società, persone assai sensibili hanno captato le richieste, coinvolgendo le autorità religiose- che hanno dato ampia disponibilità all’idea, diventata realtà in breve tempo. Non è finita qui: E’ nei programmi la costruzione di una chiesa più grande, per accogliere più persone. Persone, fedeli e clienti che potranno ristorare anima e corpo! Noi e il centro-racconta Don Vincenzo De Martino, parroco della Chiesa San Marco di Teano- vogliamo camminare insieme: l’idea è stata partorita dagli amministratori del centro, e noi l’abbiamo accettata subito, perché la chiesa moderna deve scendere tra la gente, nei luoghi affollati per praticare nuovi modelli di evangelizzazione. Dio va incontro agli uomini. Il centro Sidicinum è il primo centro commerciale italiano dotato di un’anima, un luogo dove i fedeli potranno ristorare anche lo spirito”- le parole conclusive di Don Vincenzo. Dopo l’evangelizzazione nelle piazze, sulle spiagge è la volta dei centri commerciali, per raggiungere i giovani, uscendo dalle sacrestie, parlando di Gesù nei nuovi “santuari” del nostro tempo. E dopo la spesa, tutti potranno recitare il mea culpa in chiesa- per avere speso troppo! Riempendo il carrello di troppe cose inutili. Mentre c’è gente nel mondo che muore di fame. I destinatari di ave maria e padre nostro, con gli operatori del centro gongoleranno sincronizzati per le preghiere e gli acquisti! (articolo e foto a cura del giornalista freelance casetano Giuseppe Sangiovanni)

Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

Annunci